federanziani

SEGUICI SU

Home

Notizie

I gruppi di pazienti cardiopatici si riuniscono in appello nelle emergenze cardiache #ascoltami #justgo

Hai bisogno di informazioni sulla salute?
Cerca l'argomento che ti interessa

I gruppi di pazienti cardiopatici si riuniscono in appello nelle emergenze cardiache #ascoltami #justgo

I gruppi di pazienti cardiopatici si riuniscono in appello nelle emergenze cardiache #ascoltami #justgo

Se avete un'emergenza cardiaca o un ictus - questo NON è il momento di "stare a casa" - Se il vostro cuore lo dice … #ascoltami

Una delle conseguenze indesiderate di COVID-19 è che le persone che soffrono di infarti e ictus ritardano la ricerca di assistenza medica, con conseguenti esiti peggiori. Le vittime di infarto e ictus in tutto il mondo stanno evitando gli ospedali, presentandosi troppo tardi per beneficiare di un trattamento salvavita. Inoltre, le persone con malattie cardiache note che soffrono di nuovi o peggiori sintomi ritardano la ricerca di assistenza medica per paura di contrarre la COVID-19.

In tutto il mondo, i medici riferiscono che coloro che ritardano nella ricerca di assistenza medica sono in condizioni molto peggiori quando finalmente arrivano in ospedale, spesso troppo tardi per beneficiare delle cure salvavita normalmente disponibili.

Oggi (lunedì 15 giugno 2020) Il Global Heart Hub (l'alleanza internazionale delle organizzazioni di pazienti cardiopatici), in collaborazione con FH Europe (la rete europea di pazienti focalizzata sulla dislipidemia, inclusa l'ipercolesterolemia familiare) ha lanciato una campagna internazionale di rafforzamento della fiducia "da paziente a paziente" volta a salvare vite umane e a ridurre la disabilità incoraggiando coloro che hanno sintomi di emergenza cardiaca o ictus a cercare aiuto medico senza indugio.

Le Società Cliniche Nazionali e le organizzazioni internazionali come la World Heart Federation, la World Stroke Organisation e la https://www.escardio.org/ si sono unite per condividere l'importante messaggio: ignorare i sintomi cardiaci o ritardare il trattamento comporta il rischio di gravi complicazioni e di conseguenze potenzialmente letali. Dall'inizio della crisi COVID-19, il numero di pazienti affetti da infarto cardiaco in cerca di cure ospedaliere urgenti in tutta Europa è diminuito di oltre il 50%. In tutto il mondo si è registrata una forte diminuzione dei ricoveri cardiaci in ospedale (in tutte le condizioni cardiache) e si è registrata una significativa diminuzione degli interventi ospedalieri sia chirurgici che meno invasivi.

La professoressa Barbara Casadei, presidente della Società Europea di Cardiologia, afferma: "Questa è la prova più evidente dei danni collaterali causati dalla pandemia. La paura di contrarre il coronavirus significa che anche le persone che si trovano nel bel mezzo di un attacco cardiaco potenzialmente letale hanno troppa paura di andare in ospedale per ricevere cure salvavita. Manca la rassicurazione pubblica che sia stato fatto tutto il possibile per fornire aree ospedaliere pulite ai pazienti non affetti da CoVID-19. Eppure il rischio di morire di infarto è molto maggiore di quello di morire di COVID-19. Inoltre, la morte cardiaca è in gran parte prevenibile se i pazienti con un attacco di cuore arrivano in ospedale in tempo per essere curati. Ciò a cui stiamo assistendo è una perdita inutile di vite umane. La nostra priorità deve essere quella di impedire che ciò accada. Dobbiamo continuare a salvare le vite che sappiamo salvare".

Il Global Heart Hub, insieme a FH Europe, hanno unito le forze per condurre una campagna "da paziente a paziente" #JustGo Campaign che riafferma la necessità di agire sempre rapidamente quando si tratta di sintomi di un attacco di cuore. Il tempo è il muscolo - più si aspetta con un attacco di cuore, più danni si verificano al muscolo cardiaco.

Il messaggio è semplice e chiaro - Se si verificano i sintomi di un attacco di cuore, - Non indugiare - Ogni minuto è importante. Se avete dolori al petto o altri sintomi di infarto - come dolori alla gola, al collo, alla schiena, allo stomaco o alle spalle che durano più di 15 minuti - dovete chiamare un'ambulanza.

Allo stesso modo, se soffrite di una malattia cardiaca come l'insufficienza cardiaca o una malattia delle valvole cardiache e se avete nuovi sintomi, o un peggioramento dei sintomi, dovete contattare il vostro medico o recarvi in ospedale il più presto possibile. Allo stesso modo, per chi ha una diagnosi di Ipercolesterolemia Familiare (IF), anche la sua rara forma omozigote (HoFH), o per chi ha meno di 55 anni, con un membro della famiglia che vive con IF o più membri della famiglia con una storia di malattie cardiache o ictus - non ignorare i sintomi dell'attacco di cuore, agire rapidamente.

Il Prof. Lale Tokgozoglu, presidente della Società Europea per l'Aterosclerosi, afferma: "In tutta Europa, la pandemia COVID-19 ha colpito pazienti con malattie cardiovascolari e disturbi lipidici. Seguendo le indicazioni per "Rimanere a casa", e preoccupati di contrarre la malattia coronavirus, i pazienti hanno interrotto i loro regimi di trattamento e quelli con sintomi hanno aspettato troppo a lungo per contattare il loro medico, e sono rimasti lontani dall'ospedale. Quando alla fine cercano una cura, molti hanno sviluppato complicazioni che hanno un effetto negativo sulla loro guarigione. Anche se la maggior parte dei Paesi si sta aprendo, la paura continua e i pazienti preferiscono ancora rimanere a casa. La Società europea per l'aterosclerosi sostiene la campagna #JustGo - vogliamo che tutti sappiano quanto sia importante cercare aiuto rapidamente al primo segno di problemi cardiaci, nonostante l'attuale pandemia".

"Molti giovani pazienti con ipercolesterolemia familiare, o altre condizioni che predispongono ad attacchi di cuore, hanno l'aterosclerosi avanzata, ma non hanno ancora avuto un attacco di cuore. L'infezione da coronavirus potrebbe scatenare quel primo attacco di cuore", dice il dottor Samuel Gidding di FH Europe.

La campagna #JustGo spera di rassicurare le persone in tutto il mondo che il rischio di infezione da coronavirus in ospedale è stato ridotto al minimo per i pazienti ricoverati con attacchi di cuore o ictus. La campagna ricorda inoltre al pubblico che il rischio di morire per un infarto cardiaco non curato è 10 volte superiore a quello di morire per COVID-19. Se si verifica un'emergenza cardiaca o un ictus - questo NON è il momento di "stare a casa" - Quando lo dice il tuo cuore.... Vai! Vai e basta #ascoltalo #JustGo

Questa iniziativa è stata approvata dalla Società Europea di Cardiologia (ESC- European Society of Cardiology), la Società Europea di Aterosclerosi (EAS - European Atherosclerosis Societyed è approvata dalla Federazione Mondiale del Cuore (WHF - World Heart Federation).
 


16-06-2020

Lascia un commento direttamente con il tuo account Facebook