federanziani

SEGUICI SU

Home

Notizie

E’ la Settimana Europea sulle Malattie delle Valvole Cardiache

Hai bisogno di informazioni sulla salute?
Cerca l'argomento che ti interessa

E’ la Settimana Europea sulle Malattie delle Valvole Cardiache

E’ la Settimana Europea sulle Malattie delle Valvole Cardiache

16-22 settembre, per aumentare la consapevolezza su queste patologie ancora troppo poco conosciute

Una recente ricerca condotta in Europa su più di 12.820 over 60 ha constatato che la stenosi aortica è una delle condizioni cardiache con cui le persone hanno meno familiarità. Solo il 3,8% degli intervistati sa che cos’è la stenosi aortica – la forma più comune di patologia delle valvole cardiache. Sebbene la consapevolezza cresca con l’età, il 30% degli intervistati over 65 dichiara di non sapere nulla riguardo le patologie valvolari cardiache.

La Settimana Europea sulle Malattie delle Valvole Cardiache, alla sua seconda edizione, viene celebrata dal 16 al 22 settembre proprio per sensibilizzare la popolazione su queste malattie, ancora troppo poco conosciute. La Settimana è promossa dalle principali organizzazioni europee di tutela dei diritti dei malati cardiopatici, le associazioni Cuore Italia, la francese Alliance du Coeur, la britannica Heart Valve Voice, l’Irlandese Croi, la spagnola Aepovac, l’olandese Hart Volgers, che da quest’anno sono riunite nel comitato di pazienti per le malattie delle valvole cardiache del Global Heart Hub, l’alleanza globale delle associazioni di pazienti con malattie cardiache.

Le malattie delle valvole cardiache colpiscono oggi oltre 1 milione di italiani e la loro prevalenza è fortemente influenzata dall’età. La popolazione italiana invecchia: già oggi gli over 65 rappresentano quasi un quarto della popolazione, contro una media europea del 18,9 per cento, e nei prossimi 25 anni l’ISTAT stima questo dato possa abbondantemente oltrepassare la soglia del 30 per cento. Per questo, le malattie delle valvole cardiache, manifestandosi in genere dopo i 65 anni di età, saranno sempre più diffuse con conseguenti risvolti sulla spesa sanitaria.


16-09-2019

Lascia un commento direttamente con il tuo account Facebook