federanziani

SEGUICI SU

Home

Notizie

Senior Italia FederAnziani: buon lavoro al nuovo Governo Conte e al nuovo Ministro della Salute Roberto Speranza

Hai bisogno di informazioni sulla salute?
Cerca l'argomento che ti interessa

Senior Italia FederAnziani: buon lavoro al nuovo Governo Conte e al nuovo Ministro della Salute Roberto Speranza

Senior Italia FederAnziani: buon lavoro al nuovo Governo Conte e al nuovo Ministro della Salute Roberto Speranza

Il Presidente Senior Italia FederAnziani Roberto Messina: "Il nostro auspicio è che l’impegno del nuovo esecutivo possa dare risposte concrete alle molte emergenze che riguardano il popolo dei senior"

“A nome dei senior italiani auguriamo buon lavoro al nuovo Governo Conte e al nuovo Ministro della Salute Roberto Speranza”, dichiara il Presidente Senior Italia FederAnziani Roberto Messina. “Il nostro auspicio è che l’impegno del nuovo esecutivo possa dare risposte concrete alle molte emergenze che riguardano il popolo dei senior, colonna portante del nostro sistema sociale e, insieme, categoria su cui incide particolarmente la fragilità”, prosegue Messina, “Per questo chiediamo, in primo luogo, che il lavoro delle istituzioni si erga come continua tutela e garanzia della sanità pubblica e universale, in una costante capacità di ascolto delle istanze reali che provengono dai cittadini. Auspichiamo che il lavoro del nuovo Governo, e del nuovo Ministro della Salute in particolare, vada nella direzione di questo dialogo coi cittadini, impegnandosi ad affrontare snodi cruciali quali il rafforzamento della medicina del territorio, l’aumento del numero dei medici e degli infermieri, il sostegno alla disabilità e alla non autosufficienza, l’implementazione delle politiche di prevenzione ad ogni età. Di fronte a queste emergenze, come Senior Italia FederAnziani, quale organizzazione che rappresenta i senior del nostro paese, siamo pronti, sin da ora, a offrire il nostro contributo, in un dialogo che coinvolga tutti gli attori interessati, con l’obiettivo di promuovere la piena tutela dei diritti”.


05-09-2019

Lascia un commento direttamente con il tuo account Facebook