federanziani

SEGUICI SU

Home

Notizie

OsMed, Senior Italia FederAnziani: cari medici, perché ci prescrivete i farmaci?

Hai bisogno di informazioni sulla salute?
Cerca l'argomento che ti interessa

OsMed, Senior Italia FederAnziani: cari medici, perché ci prescrivete i farmaci?

OsMed, Senior Italia FederAnziani: cari medici, perché ci prescrivete i farmaci?

I pazienti in allarme dopo la presentazione del Rapporto

Cari medici, perché ci prescrivete i farmaci?” a chiederlo è Senior Italia FederAnziani in merito a quanto emerso in occasione della presentazione dei dati OsMed all’AIFA. 

“La nostra fiducia nei confronti della comunità medico-scientifica, dei medici di medicina generale, degli specialisti, delle istituzioni deputate a governare la nostra salute, insomma nei confronti di tutti gli attori del sistema sanitario, è crollata dopo che nei giorni scorsi abbiamo ascoltato le parole di illustri farmacologi in occasione della presentazione dei dati OsMed all’interno dell’AIFA.

Abbiamo sentito, per esempio, che la vitamina D, che pesa 280 milioni di euro l’anno sulla spesa farmaceutica, non serve a nulla poiché su 93 trial non ve ne è nessuno che ne dimostri l’efficacia; che in base a uno studio condotto su 38mila pazienti con ipertensione*, di cui il 50% in trattamento e l’altra metà non trattati, i migliori benefici li hanno avuti quelli non trattati, anzi che quelli trattati stanno addirittura peggio. Noi pazienti, che siamo abituati a riporre la nostra fiducia nei camici bianchi, si tratti di specialisti universitari, ambulatoriali, medici di base, di fronte a queste autorevoli affermazioni fatte all’interno dell’agenzia regolatoria ci chiediamo a chi dovremmo affidarci da questo momento in poi, se è vero che i medici prescrivono farmaci inutili o inefficaci. A nessuno di noi piace prendere tante pillole e ogni giorno fatichiamo a mantenere la cosiddetta aderenza alla terapia, ovvero a rispettare le indicazioni dei nostri camici bianchi, e ora ci sentiamo dire che non serve a nulla, mentre dall’altra parte la comunità scientifica resta in silenzio, se si eccettua la difesa della FIMMG e della Fnomceo rispetto al loro ruolo e al loro rispetto della deontologia e delle linee guida. A chi dobbiamo credere, dunque? Chiediamo al Ministro della Salute Giulia Grillo, ai Sottosegretari Bartolazzi e Coletto, al Presidente della Commissione Igiene e Sanità del Senato Pierpaolo Sileri, alla Presidente della Commissione Affari Sociali della Camera dei Deputati Marialucia Lorefice, ad AIFA e Istituto Superiore di Sanità e soprattutto alle società medico-scientifiche, ciascuno per le proprie competenze e per il proprio ruolo, di dare una risposta chiara ai pazienti alfine di farci ritrovare un po’ di fiducia”.

 

 

*Benefits and Harms of Antihypertensive Treament in Low-Risk Patients with Mild Hypertension, James P. Sheppard; Sarah Stevens; Richard Stevens; et al. Jama Intern Med. 2018

 

AIFA: L'USO DEI FARMACI IN ITALIA, Rapporto Nazionale Anno 2018.

Video integrale della presentazione: https://www.youtube.com/watch?v=bmr0FgIuAWE

 

LE RISPOSTE AL COMUNICATO SENIOR ITALIA FEDERANZIANI:

 

ANSA 22/07/19 – Farmaci: Sileri, tranquillizzeremo pazienti su prescrizione

 

ANSA 22/07/19 - Farmaci: Fnomceo, cittadini abbiano fiducia nel medico

 

FIMMG 23/07/19 - Anni di rapporto di fiducia non si disperdano per un esperto qualsiasi

 


22-07-2019

Lascia un commento direttamente con il tuo account Facebook