federanziani

SEGUICI SU

Home

Notizie

Da Senior Italia FederAnziani il contributo dei pazienti per un’epidemiologia Real Life

Hai bisogno di informazioni sulla salute?
Cerca l'argomento che ti interessa

Da Senior Italia FederAnziani il contributo dei pazienti per un’epidemiologia Real Life

Da Senior Italia FederAnziani il contributo dei pazienti per un’epidemiologia Real Life

Società scientifiche e organizzazioni sanitarie riunite nell’evento Punto Insieme Sanità. Presentato il nuovo Comitato Strategico Senior Italia FederAnziani presieduto dal Prof. Vincenzo Mirone e con i rappresentanti di Fimmg, Sumai, Snami

Oltre il 40% degli over 65 presenta una cheratosi attinica, il 16% una patologia oculare correlata al diabete misconosciuta prima dell’oct, mentre il 35% degli over 65 ipertesi non rispetta la terapia farmacologica prescritta: sono questi alcuni dei dati “real life” emersi nel corso dell’evento “Punto Insieme Sanità: Dalla Lab Medicine alla Street Medicine”, che si è tenuto oggi a Roma, presso l’Hotel Villa Maria Regina. L’evento organizzato da Senior Italia FederAnziani si è svolto con il coinvolgimento dei referenti delle società medico scientifiche, di FIMMG, SNAMI, SUMAI, dei pediatri e degli ordini delle professioni infermieristiche. I lavori si sono concentrati soprattutto sulla rilevanza del passaggio dalla tradizionale modalità di raccolta dei dati epidemiologici da parte delle società scientifiche a un’epidemiologia Real Life, con un ruolo quindi attivo da parte dei cittadini, a partire da Senior Italia FederAziani che sta effettuando questo lavoro prezioso di raccolta dati attraverso le attività promosse sul territorio, le campagne di screening all’interno dei centri anziani, degli eventi e dei congressi, nonché attraverso gli studi medici Senior Care che sta aprendo su tutto il territorio nazionale. Tali dati possono rappresentare un grande arricchimento per il lavoro delle società scientifiche visto che rivelano spesso una maggiore vastità dei fenomeni e delle patologie croniche degli anziani rispetto a quanto noto alle società scientifiche stesse e questo per via della possibilità di accedere a un bacino più ampio di utenti che solitamente non vengono monitorati a 360°.

L’evento è stato inoltre occasione per la presentazione del nuovo Comitato Strategico di Senior Italia FederAnziani, l’organismo deputato a delineare la strategia scientifica della federazione, gli obiettivi, le alleanze, che sarà così composto:

Presidente: Vincenzo Mirone, Ordinario di Urologia Università Federico II di Napoli;

Pier Luigi Bartoletti, Vice Segretario Nazionale Vicario Fimmg;

Antonio Magi, Segretario Generale Sumai Assoprof;

Angelo Testa, Presidente Nazionale Snami.

 

I lavori

Viviamo in una società con una popolazione che invecchia ed una cronicità in aumento che, anche per la necessità di razionalizzazione delle risorse economiche, intende passare da una assistenza ospedalocentrica ad una diffusa sul territorio, con la possibilità di seguire da vicino la popolazione senior. È in questo contesto che i lavori dell’evento hanno evidenziato come la tecnologia digitale e la raccolta dei dati provenienti da studi di Real Life potranno permettere il superamento dei limiti della medicina derivante da studi basati sull’evidenza. I lavori si sono articolati in sessioni plenarie e tavoli dedicati alle singole aree tematiche sanitarie, quali: Cardiologia, Dermatologia, Diabetologia, Oculistica, Oncologia, Pediatria, Pneumologia, Reumatologia, Urologia. Rilevante in questa edizione di “Punto Insieme Sanità”, il ruolo dei Pediatri che hanno avuto il compito di sviluppare il difficile tema del rapporto nonni-nipoti, alla luce di quanto i nonni siano sempre più presenti nel processo di crescita dei loro nipoti, spesso sostituendosi a pieno ai genitori.

I lavori si sono svolti con il coinvolgimento di:

AIAC - Associazione Italiana di Aritmologia e Cardiostimolazione

SIC – Società Italiana di Cardiologia

SIIA – Società Italiana dell’Ipertensione Arteriosa

SICGe – Società Italiana Cardiologia Geriatrica

SID – Società Italiana di Diabetologia

AMD - Associazione Medici Diabetologi

SIU – Società Italiana di Urologia

AIOM – Associazione Italiana di Oncologia Medica

SIR – Società Italiana Reumatologia

F.I.M.P.– Federazione Italiana Medici Pediatri

A.I.M.O.– Associazione Italiana Medici Oculisti

SIP/IRS – Società Italiana di Pneumologia / Italian Respiratory Society

Ethesia – Centro Ricerche di Pneumologia Geriatrica

A.I.D. - Associazione Italiana Difesa Interessi Diabetici

SIDeG – Società Italiana di Dermatologia Geriatrica

SUMAI Assoprof - Sindacato Unico Medicina Ambulatoriale Italiana e Professionalità dell'Area Sanitaria

SNAMI - Sindacato Nazionale Autonomo dei Medici Italiani

FIMMG – Federazione Italiana Medici di Medicina Generale

FNOPI – Federazione Nazionale Ordini Professioni Infermieristiche

 

 

I dati

L’attività clinica svolta presso i Centri Senior Care e i 3.700 Centri Anziani ha consentito di raccogliere dati provenienti da oltre 22.926 pazienti nel corso di campagne di prevenzione dedicate o nell’ambito del grande evento annuale CosmoSenior.

L’obiettivo del Punto Insieme Sanità 2019 è stato quello di elaborare delle raccomandazioni, certificate dalle società scientifiche e scritte in un linguaggio estremamente semplice e laico da poter condividere con la popolazione Senior (di cui oltre il 50% ha conseguito solo la 5° elementare) e la Stampa.

Uno studio sui livelli di pressione arteriosa in un campione di oltre 12.000 over 65 ha dimostrato come oltre il 35% degli ipertesi non rispetti la terapia farmacologica prescritta e come ben il 20% degli over 65 in trattamento per l’ipertensione abbia valori di pressione arteriosa patologici. Tutto ciò porta ad un altissimo tasso, 42,2%, di pazienti con ipertrofia ventricolare sinistra.

Allarmanti i dati sullo screening dermatologico, su un campione di circa 1000 visite dermatoscopiche il 14% degli screenati presentava una lesione cancerosa, mentre oltre il 40% una precancerosi come la cheratosi attinica.

Interessante il dato sulle glicemie, in particolare, su un campione di 1030 glicemie è emerso che le donne sono meno controllate degli uomini e tendono ad avere una glicemia significativamente più alta (94 vs. 124 mg/dl).

Il diabete è direttamente correlato alla salute degli occhi dei nostri nonni. In particolare da uno screening oculare su circa 3000 over 65 è emerso come il 16% degli screenati ha una patologia oculare correlata al diabete, misconosciuta prima dell’oct.


28-05-2019

Lascia un commento direttamente con il tuo account Facebook