federanziani

SEGUICI SU

Home

Notizie

AGI - Caldo: anziani a rischio, il decalogo per difendersi dall'afa

Hai bisogno di informazioni sulla salute?
Cerca l'argomento che ti interessa

AGI - Caldo: anziani a rischio, il decalogo per difendersi dall'afa

Caldo: anziani a rischio, il decalogo per difendersi dall'afa = (AGI) - Roma, 3 ago. - Con temperature che viaggiano anche al di sopra dei 40 gradi in tutta Italia, gli anziani e i bambini sono i soggetti piu' esposti ai malori provocati dalla disidratazione e dal colpo di calore. Come riconoscerli? La disidratazione si verifica quando l'organismo perde una quantita' di acqua maggiore di quella introdotta - spiega Federanziani - ed e' uno dei principali rischi per la salute degli anziani durante l'estate. I sintomi sono la sete, la debolezza, le vertigini, le palpitazioni. Si possono verificare anche crampi muscolari, abbassamento della pressione arteriosa, mucose asciutte e ansia. Il colpo di calore si verifica invece quando la fisiologica capacita' di termoregolazione del corpo e' compromessa. In particolare durante il periodo estivo, puo' essere causato dall'esposizione diretta al sole e in generale a temperature troppo alte e a un elevato tasso di umidita'. Il colpo di calore produce improvviso malessere generale, mal di testa, nausea, vomito, sensazione di vertigine, stato confusionale. Federanziani fornisce anche un "decalogo anti-caldo" per aiutare a superare al meglio la settimana piu' torrida dell'estate. 1) Non uscire nelle ore piu' calde della giornata, ovvero dalle 12 alle 17. Per gli anziani e' consigliabile evitare le aree molto trafficate nei centri urbani ma anche parchi e aree verdi nei quali e' piu' elevata la concentrazione di ozono proveniente dai gas di scarico delle automobili. 2) Bene almeno un litro e mezzo di liquidi al giorno per reintegrare le perdite quotidiane di sali minerali. E' bene bere spesso, anche in assenza di stimolo della sete. Evitare bevande alcoliche, gassate, troppo zuccherate e troppo fredde. Non eccedere con caffe' o te'.

Caldo: anziani a rischio, il decalogo per difendersi dall'afa (2)= (AGI) - Roma, 3 ago. - 3) Consumare pasti leggeri. Preferire pasta e tanta frutta fresca, ma anche verdure colorate come peperoni, pomodori, carote e lattughe, ricche di sostanze antiossidanti che proteggono dai danni correlati all'ozono. Evitare cibi fritti o grassi. 4)) Arieggiare l'ambiente dove si vive, aprendo le finestre al mattino presto, a tarda sera e durante la notte, e chiudendole invece nelle ore piu' calde. Regolare la temperatura dell'aria condizionata, se disponibile, tra i 26 e i 28 gradi. 5) Non esporsi al sole in modo prolungato. Quando si esce, tenere il capo riparato dal sole attraverso un cappello, possibilmente di colore chiaro. Riparare anche gli occhi con un paio di occhiali da sole. Proteggere la pelle con creme solari ad alto fattore protettivo. 6) Indossare abiti leggeri e non aderenti, prediligere le fibre naturali come il cotone e il lino di colore chiaro. 7) Per rinfrescarsi e' utile fare bagni tiepidi nel corso della giornata, evitando docce fredde dopo essere rientrati da ambienti molto caldi. Se serve fare impacchi di acqua fresca per abbassare la temperatura corporea. 8) Non restare all'interno di automobili parcheggiate al sole, anche se per poco tempo. Se si entra in una macchina esposta da molto tempo al sole e' importante aprire i finestrini e tenerli abbassati con l'auto in movimento per far uscire l'aria calda. In alternativa, attivare il sistema di climatizzazione dell'autovettura. Ricordarsi di tenere in auto una bottiglia di acqua. 9) Non interrompere le terapie mediche ne' sostituire i farmaci che si assumono abitualmente di propria iniziativa. Consultare sempre il medico per ogni eventuale modifica delle cure che si stanno seguendo e segnalargli qualsiasi malessere, anche lieve, che sopraggiunga durante una terapia farmacologica. 10) Se e' possibile andare in vacanza in localita' collinari o termali. Il clima di queste zone, i cui benefici sono noti per la salute, e' particolarmente adatto alle esigenze degli anziani in estate, permettendo di sfuggire alle temperature afose dei centri urbani. (AGI) Noc 031430 AGO 17 NNNN


03-08-2017

Lascia un commento direttamente con il tuo account Facebook

registri salute